Solar System offre una gamma di climatizzatori, refrigeratori e ventilconvettori con differenti potenze e con diverse modalità di installazione. Sono disponibili modelli solo freddo, pompa di calore e inverter. Solar System srl utilizza condizionatori che sposano l’uso esclusivo di refrigeranti ecologici R410A privi di molecole di cloro (HCFC) responsabili della distruzione dello strato di ozono presente nell’alta atmosfera.

- Impianto ad espansione diretta (split)

Un sistema a espansione diretta è un sistema di distribuzione dell’energia termica e/o frigorifera per il riscaldamento e/o condizionamento dei locali per mezzo di tubazioni idriche, nelle quali non circola acqua calda o fredda, come nei sistemi tradizionali definiti idronici, ma un particolare gas refrigerante, proveniente da una unità di produzione termo-frigorifera esterna (motocondensante), dotata di compressore. In altre parole, nel sistema ad espansione diretta alle unità interne installate nei locali riscaldati (o condizionati) che emettono aria calda o fredda non arriva semplice acqua, riscaldata o raffreddata da una caldaia o una pompa di calore idronica, ma un gas (HFC) caldo o freddo proveniente da una unità esterna, alimentata tipicamente ad energia elettrica oppure a gas (motocondensanti a motore endotermico).

- Impianti VRF

Gli impianti VRF sono l'ultima evoluzione degli impianti split; si distinguono da questi per via della portata di refrigerante variabile (VRF Variable Refrigerant Flow), regolata da valvole modulanti, prensenti in cassette di distribuzione o direttamente a bordo delle unità interne, in funzione del carico termico della singola unità interna. Ciò permette di collegare diverse unità interne, da un minimo di 2 ad un massimo di 64, con una potenza totale delle unità interne abbinate che può superare del 135 al 160% la potenza dell' unità esterna.

- Impianti in Pompa di Calore

La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia termica da una sorgente a temperatura più bassa ad una sorgente a temperatura più alta o viceversa, utilizzando differenti forme di energia.  La pompa di calore è composta da un circuito chiuso nel quale si realizzano le seguenti fasi:

1. L'energia termica è assorbita dalla sorgente esterna attraverso l'evaporatore. Questo scambio termico comporta l'evaporazione del fluido frigorigeno.
2. Il vapore è aspirato dal compressore, dove la sua pressione viene innalzata con ulteriore trasferimento di energia.
3. Il vapore ad alta pressione entra nel condensatore, passa alla fase liquida e cede all'utenza l'energia prima ricevuta.
4. Il circuito si chiude con la riduzione di pressione del fluido frigorigeno, che quindi è di nuovo disponibile per l'evaporazione.
Con questo processo il calore disponibile all'utenza è pari alla somma tra l'energia termica assorbita presso la sorgente e l'energia meccanica fornita dal compressore. L'apporto energetico all'utenza è quindi ben superiore al consumo elettrico della macchina, che è destinato principalmente all'azionamento del compressore.

La pompa di calore può essere anche di tipo "reversibile" e operare in modalità di riscaldamento o raffrescamento. Questo è reso possibile da una valvola che inverte il ciclo e i ruoli assunti dagli scambiatori sopra descritti: presso la sorgente avviene la condensazione e lo smaltimento del calore, mentre presso lo scambiatore dell'utenza viene asportato il calore.

Tipologia di pompe di calore

Aria – acqua
La pompa di calore aria – acqua estrae calore dall'aria esterna tramite l'evaporatore. Qui il fluido frigorigeno assorbe calore, dando luogo al ciclo sopra descritto. Queste unità sono normalmente in grado di soddisfare il fabbisogno di energia termica delle diverse utenze, ma possono anche essere associate ad altri dispositivi. Questa tipologia è particolarmente facile ed economica da installare e da integrare nell'impianto.

Acqua - acqua
La pompa di calore acqua/acqua recupera energia dall'acqua, proveniente per esempio da una falda. L'acqua è prelevata mediante un pozzo di prelevamento e poi convogliata all'evaporatore dove cede calore e viene smaltita.
Con questo tipo di impianto sono necessarie alcune analisi preventive per valutare le caratteristiche dell'acqua e del relativo impianto di prelievo e smaltimento. Questa soluzione si distingue per l'efficienza energetica in ogni condizione climatica, conseguita grazie alla temperatura di sorgente favorevole e pressoché costante.

Unità geotermiche

Le pompe di calore geotermiche impiegano il suolo come sorgente termica. Il loro funzionamento è simile a quello delle unità acqua-acqua: lo scambio termico avviene mediante acqua glicolata che circola tra l'evaporatore e le sonde. Queste sono costituite da un'apposita superficie di scambio a contatto con il terreno e possono essere realizzate con disposizione orizzontale (i collettori sono interrati a circa 1.5 metri di profondità, su una superficie ampia) oppure verticale (le sonde penetrano fino a una profondità di 50-60 metri, a seconda del tipo di terreno, occupando una ridotta superficie in pianta). Valutare preventivamente le caratteristiche del terreno è fondamentale in questo tipo di impianto, che ha il grande vantaggio di garantire l'efficienza energetica in ogni condizione climatica.

Contattaci!

Telefono

I servizi ed i prodotti che vi proponiamo sono di assoluta qualità. Contattateci per qualsiasi esigenza..

La garanzia della nostra professionalità è testimoniata dalla certificazione FGAS ottenuta

Vai all'inizio della pagina